Presentazione libro “Marisa la prima top manager italiana” – 7 MARZO 2016 ore 21

Lunedì 7 marzo 2016 alle ore 21 nel salone opere parrocchiali Fiorenza Barbero presenterà il suo libro"Marisa la prima top manager italiana" ed. Effatà, dedicata alla figura di Marisa Bellisario cebana.

Introduce e modera Luigina Ambrogio, giornalista.

 

 

«Marisa la prima top manager italiana» – Fiorenza Barbero –Effatà 2014 – pag. 143 – € 9

 

SCHEDA DI APPROFONDIMENTO

 

Per i tipi di Effatà, casa editrice di Cantalupa Torinese (www.effata.it), mi è stato chiesto di curare uno dei libri della collana “Donne toste”, che si compone di una dozzina di titoli, ideata e curata da Maria Teresa Milano. Donne che hanno lasciato un segno nella storia medio recente; donne di esempio per le generazioni presenti e future. Donne ordinarie che hanno fatto cose straordinarie.

Dopo un'attenta analisi, ho scelto Marisa Bellisario cebana prima top manager italiana; prima donna ai vertici di un'azienda non di famiglia.

La biografia è un accurato lavoro di ricerca partito dall'autobiografia scritta dalla Bellisario nel 1987 e approdato alla nutrita rassegna stampa che ha caratterizzato il personaggio, nell'intento di fare luce, riportando alla memoria, la figura di questa donna che, come una meteora è transitata lasciando un segno tangibile nell'economia non solo italiana, e che altrettanto in fretta, dopo la morte, è stata dimenticata.

Il testo è arricchito da un apparato di interviste a persone che l'hanno conosciuta e frequentata e che regalano uno spaccato della sfaccettata personalità della top manager cuneese.

L'argomento, e dunque il libro, interessa il mondo imprenditoriale, le organizzazioni femminili e l'associazionismo, in quanto Marisa è stata trasversale rispetto alle categorie economiche ma soprattutto è stata donna e imprenditrice.

Dal testo si evince il personaggio a tutto tondo e la sua articolata personalità, sostenuta dall'attualità e modernità di pensiero: “change and challenge” (cambiamento e sfida) sono le sue parole chiave, concetti su cui ha basato l'intera sua carriera. Ha difeso la meritocrazia e creduto nel talento e nella passione del fare bene il proprio lavoro: punti di forza, in particolare per i giovani. Ha portato alto i valori della donna, misurandosi e contrastando in prima persona il sessismo e la discriminazione di genere, entrando a far parte della Commissione di Parità. Ha creduto nella tecnologia, che lei ha definito “futuro delle nazioni”, motivando e stimolando le donne a sperimentare lavori tradizionalmente maschili. Il suo essere lungimirante, anticonvenzionale e cosmopolita le ha permesso di essere, in Italia e all'estero, riferimento nel mondo dell'informatica; è stata battezzata “Wonder woman” e la “Signora con i baffi”. Consapevolezza, fiducia, coraggio e il mettersi in gioco credendo fortemente in se stessi sono insegnamenti senza tempo.

Nel libro la dimensione umana non viene trascurata, anzi evidenziata, perché Marisa è una donna e da ciò deriva la sua eterna dualità: l'essere donna e top manager e le conseguenti difficoltà nel conciliare, riuscendoci, queste condizioni.

La lezione di Marisa, il suo modello, ha fatto scuola e ancora oggi porta un messaggio forte: per i giovani, per il mondo delle imprese, per le donne.

Considerato il mio esordio letterario, il libro sta riscuotendo un buon successo con 800 copie stampate; a oggi si è alla quarta ristampa. Il libro sarà disponibile anche in versione e-book.

Marisa in Tour”: così ho battezzato l'iniziativa di presentare la biografia nei principali centri del Piemonte (a Torino presso l'Ordine dei giornalisti e al salone del Libro, a Cuneo presso libreria L'Ippogrifo e in Comune, a Fossano presso la chiesa del Gonfalone, a Mondovì presso il Comune, a Clavesana presso la Cantina omonima, a Cavallermaggiore presso il salone del Libro, Soroptmist Cuneo, Lions Mondovì e Ceva, al Ventennale di Confartigianto Donna Cuneo, ecc) e anche al di fuori dei meri confini regionali e nazionali; sono stata ospite del Consolato italiano a Nizza il 6 giugno scorso e così a Cervo e a Mendatica in provincia di Imperia. A fine settembre, nell'ambito di Expo, a palazzo Lombardia sono stata invitata al World Women Congress, organizzato da Isa Maggi presidente di Sportello Donna BIC, nel salotto letterario curato da Laura Amoretti consigliera di Parità della Provincia di Imperia.

 

 

Da fine 2014, sono 4 le ristampe del libro e 23 le presentazioni condotte.

Un incontro particolarmente fruttuoso è stato quello con le classi I e II del liceo Ancina di Fossano, indirizzo scienze umane. I ragazzi si sono dimostrati interessati alla figura della Bellisario e al termine della presentazione tante sono state le domande rivoltemi. Ne è nato un bel dialogo e un piacevole momento di confronto e arricchimento.

Il 2015, per Marisa Bellisario, è una data strategica in quanto il 9 luglio avrebbe compiuto 80 anni e

proprio a Ceva, sua città natale, in sinergia con il Banco Azzoaglio e il Comune, si è organizzato un evento commemorativo, molto partecipato, a più voci (tra cui Patrizia Sandretto Re Rebaudengo e

Rita Bussi di Merck Serono) dal titolo “Successo: donne con qualcosa da raccontare” attraverso la presentazione del mio libro.

https://editrice.effata.it/autore/fiorenza-barbero/

https://editrice.effata.it/libro/9788869290183/marisa-la-prima-top-manager-italiana/

Pagina Fb: http://fb.marisalaprimatopmanageritaliana

 

Fiorenza Barbero

Laureata in Lingue e Letterature Straniere all'Università degli Studi di Torino, lavora in un ente pubblico. Giornalista pubblicista collabora con il settimanale La Fedeltà di Fossano; nel 1999 è finalista nel concorso letterario “Esperienze in giallo” con il racconto “Il caso di villa Souchon”.

Amante dell'arte nelle sue varie declinazioni, fa parte delle associazioni Amici del Museo, Cicerone e Pro Arte.